Dante Alighieri: 10 curiosità che (forse) non conoscevi sul papà dell’italiano

Dante Alighieri, papà della lingua italiana e autore de “La Divina Commedia”, rappresenta uno dei capisaldi della letteratura italiana che, ancora oggi, tutto il mondo ci invidia. Conosci però tutto, ma proprio tutto, su di lui? Mettiti alla prova con queste 10 curiosità.

Gli italiani, nessuno escluso, sono molto orgogliosi di Dante Alighieri, conosciuto semplicemente come Dante, del quale, nel 2021, ricorreranno i 700 anni dalla morte.

Pandemia permettendo, come già avvenuto per Leonardo Da Vinci, probabilmente non mancheranno i festeggiamenti culturali (benché nel rispetto delle nuove regole a cui siamo ormai abituati).

Dopotutto ha scritto la Divina Commedia, uno dei caposaldi della letteratura, e dopotutto, è il papà del nostro italiano, ragione in più per celebrarlo e per festeggiarlo.

Ma chi era Dante Alighieri e quanto sai, effettivamente, su di lui? Mettiti alla prova con queste 10 curiosità (alcune delle quali davvero insolite) che lo riguardano per scoprirlo subito.

Sarai un “dantista” esperto e potrai aspirare alle massime vette del Paradiso oppure questo quiz per te sarà più difficile dello scalare la montagna del Purgatorio e, alla fine, avrai come l’impressione di essere precipitato all’Inferno?

1.Aveva una moglie e quattro figli

Gran parte del lavoro di Dante Alighieri è dedicato a Beatrice, una donna che il poeta aveva incontrato quando aveva appena nove anni e che morì molto giovane, facendolo precipitare nello sconforto più nero.

Dante scrive per lei sonetti d’amore e, nella Divina Commedia, la trasforma nell’angelo che lo guida per buona parte del suo viaggio nel Paradiso.

Anche se ciò potrà sembrarti romantico, Dante aveva una moglie e quattro figli a casa.

La sua famiglia, oltretutto, non rimase affatto contenta quando scoprì che Dante non l’aveva menzionata, neanche una volta, nella sua celebre epopea.

Dante aveva sposato Gemma Donati, la moglie, dopo essere stato fidanzato con lei a 12 anni tramite un contratto scritto.

I due ebbero quattro figli: Jacopo, Pietro, Giovanni e Antonia, che in seguito si fece suora, scegliendo (casualmente) il nome di suor Beatrice.

2.Era un medico, un politico e un soldato

Dante ha fatto molto di più che scrivere poesie: ha condotto una vita molto attiva e si è formato come medico.

Si unì alla corporazione degli speziali (farmacisti), ma solo nel tentativo di promuovere la sua carriera politica.

Dante, prima di essere esiliato, ricoprì vari incarichi pubblici a Firenze e combatté anche nella battaglia di Campaldino contro Arezzo.

3.È stato condannato a morte ed è stato graziato soltanto nel 2008

Il poeta visse in un’epoca in cui la sua città natale, Firenze, stava attraverso un periodo molto difficile a livello politico.

Quando una fazione rivale ottenne il controllo della città, esiliò Dante per barratria (corruzione politica).

Tutti i suoi beni furono confiscati e la sua condanna includeva anche una clausola secondo la quale sarebbe stato bruciato sul rogo se fosse tornato.

La condanna a morte rimase ben salda sulla sua testa fino a quando, nel 2008, nel tentativo estremo di fare ammenda (e anche forse per rimorso), il consiglio comunale di Firenze approvò una mozione che lo perdonava ufficialmente.

4.Le sue ossa vennero nascoste per secoli

Ancora in esilio quando morì di malaria, Dante fu sepolto in una chiesa a Ravenna, città in cui viveva al momento della sua morte.

Firenze, in seguito, decise di voler seppellire Dante nella propria città e costruì una tomba spettacolare per le sue spoglie.

Papa Leone X e Michelangelo furono tra coloro che fecero una campagna affinché le spoglie del poeta fossero restituite alla sua città natale.

I monaci di Ravenna però inviarono una bara vuota e tennero nascoste le ossa di Dante nel muro di un chiostro.

I resti furono scoperti, accidentalmente, soltanto nel 1865 durante i lavori di costruzione della chiesa (chiesa in cui, oggi, riposano ancora indisturbati).

5.Dante aveva una grande memoria

C’è un punto a Firenze, segnato da una targa, dove a Dante piaceva sedersi e scrivere le sue poesie d’amore su Beatrice mentre osservava la costruzione del Duomo.

Secondo un aneddoto, una volta un passante gli chiese cosa mangiasse a colazione:

Uova” rispose Dante.

Un anno dopo, lo stesso uomo passò di nuovo davanti a Dante, seduto sulla sua roccia preferita, e testò la già famigerata memoria del poeta:

Come?” chiese l’uomo.

Al quale Dante rispose prontamente:

Con sale.”

6.Era famoso per essere un uomo che diceva sempre la verità

Dante aveva una solida reputazione di uomo onesto grazie al suo lavoro di pubblico ufficiale.

Una leggenda narra che, quando fu esiliato da Firenze, fu fermato lungo la strada dalle autorità.

Quest’ultime, non riconoscendolo, gli chiesero se sapesse dove si trovava Dante.

Nonostante fosse in gioco la sua vita, Dante era così determinato a non mentire che, piuttosto che dire una bugia, preferì ingannarle con un gioco di parole:

Quando stavo scendendo per strada, non mi ha superato.”

7.Curò l’italiano scritto più lui che qualsiasi altro venuto prima (e dopo)

Dante e la sua Divina Commedia, come abbiamo visto, aprirono la strada non solo all’italiano parlato (che allora era conosciuto come volgare), ma anche alla letteratura italiana.

In precedenza l’italiano come lingua era disprezzato per le opere letterarie. Dopo Dante però è stato studiato, e studiato ancora, e, il risultato, è stata una scoperta sensazionale.

Circa il 15% del vocabolario in uso nell’italiano standard oggi può essere fatto risalire al poeta fiorentino.

Questo 15% include tutte le parole che ha inventato e diverse frasi complete che sopravvivono oggi. Una “vendetta allegra” (tradotto approssimativamente come “dolce vendetta”) per il poeta

8.Le sue citazioni? Sono le più usate in assoluto

La Divina Commedia è stata tradotta in molte lingue in tutto il mondo. E, traduzioni a parte, le sue citazioni sono presenti non solo in molti adattamenti cinematografici, ma anche in film e serie TV, come L’Era Glaciale, Hannibal, Ghostbusters II, How I Met Your Mother e Law Order.

E questi sono soltanto alcuni esempi.

9.Era in anticipo sui tempi

Coloro che hanno studiato le sue lunghe opere, potrebbero non pensare a Dante come ad uno scrittore moderno, ma sotto diversi aspetti era estremamente avanzato.

Oltre ad essere stato uno dei primi scrittori italiani ad abbandonare completamente l’uso del latino nella letteratura, fu anche uno dei primi a concepire l’idea di un “limbo”, dove persone nobili e innocenti, che non erano cristiani o battezzati, potevano riposare in pace.

Prima di Dante si pensava generalmente che i bambini non nati e i pagani finissero all’inferno.

10.Tre era il suo numero fortunato

La Divina Commedia è divisa in tre parti (una per ogni sezione dell’aldilà) e ognuna di queste è suddivisa in 33 canti, più un’introduzione per fare 100 in totale, il “numero perfetto”.

Ma il numero tre emerge più spesso di così in Dante: il suo schema di rime, la terza rima, nota intorno ad esso e la Santissima Trinità ha controparti infernali nei tre fiumi dell’inferno, tre tipi di peccati puniti (ciascuno con tre suddivisioni) e, naturalmente, una bestia a tre teste a guardia del Cerchio dei Golosi.

Di Francesca Orelli

LETTERATURA: Leggi anche:

Paperino non è un papero e altre curiosità sull’universo Disney

I 9 mondi vichinghi: Alfheimr

Panopticon: il potere invisibile secondo Jeremy Bentham

Biblio-mat: in Canada esiste un distributore automatico di libri antichi

Condividi

Rispondi