Orata all’acqua pazza: ricetta

L’orata all’acqua pazza è una secondo piatto light, delicato e di grande gusto. Semplice e veloce da preparare, la ricetta dell’orata all’acqua pazza è molto antica: a quanto pare, infatti, questo metodo di cottura è stato sperimentato per la prima volta dai pescatori dell’isola di Ponza. L’orata all’acqua pazza è poi diventata molto famosa anche a Capri: sembra infatti che questo secondo piatto di pesce fosse molto amato da Totò.

Buonissima anche mangiata fredda, l’orata all’acqua pazza è una preparazione ideale per il periodo primaverile ed estivo. E allora, se avete in programma una cena leggera con gli amici, la nostra ricetta fa al caso vostro. Scopriamo insieme gli ingredienti e la preparazione di questo gustoso secondo piatto di pesce.

Orata all’acqua pazza: ingredienti

  • Orata: circa 800 g
  • Pomodori ciliegine: 300 gr
  • Un ciuffetto di prezzemolo
  • 4 spicchi di aglio
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Mezzo bicchiere di acqua
  • Mezzo bicchiere di vino bianco

La preparazione dell’orata all’acqua pazza

Iniziamo con la pulizia dell’orata: eliminiamo tutte le squame e tagliamo le pinne laterali, quelle ventrali e quelle dorsali. Successivamente, tagliamo la pancia dell’orata ed eliminiamo le viscere. Sciacquiamo il pesce sotto l’acqua corrente facendo attenzione a pulirlo bene anche dentro.

Aggiungiamo – all’interno della pancia – uno spicchio d’aglio, un pizzico di sale e  qualche foglia di prezzemolo. Ungiamo una pirofila con olio extravergine di oliva e sistemiamovi dentro le orate. Tagliamo i pomodorini a cubetti, a metà oppure a spicchi (come preferite), aggiungiamoli nella pirofila insieme a due spicchi d’aglio.

Insaporiamo con qualche foglia di prezzemolo ed aggiungiamo sale e pepe nero. Versiamo nella pirofila il mezzo bicchiere di acqua e di vino bianco. Attenzione: i liquidi non devono andare a coprire integralmente le orate ma arrivare a metà dell’altezza del pesce.

Inforniamo la nostra orata all’acqua pazza in forno statico già caldo a 220°: per la cottura occorreranno circa 20-25 minuti. Una volta che l’orata sarà cotta, adagiamola su un piatto, eliminiamo la pelle e spiniamola. Dividiamo l’orata in filetti, mettiamoli in un piatto da portata ed irroriamo il pesce con il liquido del fondo di cottura e i pomodorini.

La nostra orata all’acqua pazza è pronta per essere portata in tavola e gustata!

Orata all’acqua pazza: qualche consiglio

In alternativa potete cuocere il pesce anche su fiamma utilizzando un tegame con un coperchio. L’orata all’acqua pazza si conserva in frigorifero per due giorni al massimo.

LEGGI ANCHE:

Salmone al limone: la ricetta da fare in padella
Risotto alla pescatora: a tavola il profumo del mare
Pesce spada in padella, un secondo piatto gustoso

Rispondi