Notizie dal mondo: il fascino del profondo e polveroso Far West

Paul Greengrass dirige un sempre affascinante Tom Hanks nel nuovo film adattamento al romanzo News of the World di Paulette Jiles. Notizie dal mondo è sbarcato su Netflix questo febbraio, e ha già guadagnato diverse candidature ai premi più prestigiosi. Cosa lo rende così apprezzabile? Un’ottima fotografia e una narrativa densa e pregnante.

Trama

Stati Uniti del sud, 1870. La guerra civile è terminata da diversi anni, ma ancora se ne percepiscono i segni. In un clima teso e quasi sospeso, il capitano Jefferson Kyle Kidd (Tom Hanks), ormai in licenza, viaggia di città in città portando con sé giornali dalle più importanti città dell’Unione. Le sue notizie dal mondo sono molto apprezzate, sia perché danno ai popolani modo di scoprire cosa accade all’esterno, sia perché Kidd sa renderne la lettura un momento di condivisione e divertimento.

In uno dei suoi viaggi, il capitano si imbatte in una carovana di Nativi assalita dai briganti. Qui incontra Johanna (Helena Zengel) una bambina di origini tedesche che ha vissuto quasi tutta la vita con i Nativi. Constatato che nessun altro può portarla al sicuro, Kidd la prende con sé, per condurla dagli zii. Il viaggio è l’occasione per i due di conoscersi e di legare, mentre intorno a loro il far west si mostra in tutta la sua pericolosa e meravigliosa indomabilità.

Notizie dal mondo

Perché guardare Notizie dal mondo

Guardare un film con Tom Hanks, lo sappiamo bene, è quasi sempre una garanzia. Nel caso di Notizie dal mondo, però, non è solo il brillante attore americano a colpire. Il film sceneggiato e diretto da Paul Greengrass, infatti, riesce a tenere lo spettatore incollato allo schermo per quasi due ore; questo, grazie soprattutto a una narrativa morbida ed estremamente accattivante.

Il Far west, ambientazione decisamente abusata, ci viene infatti mostrato in nuove intriganti sfumature: il rapporto tra Nativi Americani e coloni, la pericolosità di una terra selvaggia, la vita spartana nei villaggi e nelle colonie. Ogni elemento scelto getta nuove ombre e luci su questa ambientazione che non possono che conquistare.

La storia di Johanna o Cicada, come sarebbe più giusto chiamarla, si intreccia inoltre con grazia a quella del capitano Kidd. Mostrandoci un mondo fatto di gesti più che di parole, di spirito più che materialità. Un crocevia possibile tra natura e conquista, e tra bellezza ed efficienza. A incorniciare il tutto, intervengono le luci calde e avvolgenti di una fotografia pensata per trasmettere la polverosa e profonda essenza del Far West più puro.

Nel quale Tom Hanks brilla forse addirittura più di quanto ci saremmo aspettati. Con grande probabilità, il film riceverà almeno un paio di candidature agli Oscar. Su tutte, confidiamo in quella per la giovanissima e talentuosa Helena Zengel, alla sua prima apparizione importante sugli schermi. Un avvio di carriera da tenere decisamente sott’occhio.

LEGGI ANCHE

Tiny Pretty Things: il lato oscuro della danza

Le serie in costume che non potete perdere

Tenet: il misterioso fascino dell’entropia invertita

Scrittura creativa e cinema: Il codice da Vinci e la pistola di Čechov

Condividi

Rispondi