Tour virtuali in 3D: esplora la tomba di un’antica regina egiziana e un monastero copto

Numerosi tour virtuali in 3D di alcune meraviglie archeologiche dell’antico Egitto – tra le quali troviamo anche l’antica tomba della regina Meresankh III e il Monastero Rosso del IV secolo – sono ora disponibili.

Se quest’anno, pertanto, hai dovuto annullare le tue vacanze in Egitto a causa della pandemia di Covid-19, in attesa che i voli internazionali ripartano e che tu possa riprendere a viaggiare come prima, puoi esplorare queste meraviglie da casa.

I tour virtuali in 3D, che sono stati realizzati tramite l’impiego di una nuova tecnologia, mostrano gli antichi siti egiziani e diversi dettagli sorprendenti, consentendo agli spettatori di “attraversare” diverse parti delle rovine, proprio come nel caso della navigazione su Google Street View.

L’Egitto e i suoi tesori: ecco cosa si può visitare rimanendo a casa

Il Ministero egiziano del Turismo e delle Antichità ha iniziato a pubblicare i tour virtuali in 3D ad aprile 2020, in piena emergenza Covid-19, per condividere queste meraviglie con le persone che stavano a casa in quarantena e aiutarle a non annoiarsi mentre contribuivano ad appiattire la curva.

Ecco i tour online disponibili fino ad oggi:

Il tour della Tomba di Menna, pubblicato online il 3 aprile 2020, presenta una delle tombe d’élite più visitate e meglio conservate dell’Egitto.

La tomba, situata nella necropoli tebana (l’odierna Luxor), è nota per i suoi dipinti ben conservati.

Poco si sa di Menna, ma la sua tomba offre numerosi indizi sulla sua vita nella casta più alta dell’antico Egitto. I titoli trovati nella sua sepoltura suggeriscono che fosse uno scriba, che sovrintendeva anche ai campi del Faraone e al tempio di Amon-Ra, una forma del dio del sole.

Dalle scene raffigurate nella sua tomba, possiamo vedere che Menna supervisionava le delegazioni che misuravano i campi, assicurava i debitori morosi alla giustizia, ispezionava il lavoro sul campo e registrava la resa del raccolto.

La moglie di Menna, Henuttawy, appare con lui in quasi tutte le scene della tomba. Una di queste scene mostra il cuore di Menna che viene pesato con una piuma davanti ad Osiride, il dio egizio dell’aldilà:

Se Menna ha compiuto buone azioni per tutta la vita e il suo cuore è leggero, passerà nell’aldilà” dice il tour virtuale.

Il tour virtuale della tomba della regina Meresankh III, lanciato il 4 aprile 2020, mostra invece il luogo di riposo della sovrana egizia.

Era la nipote del faraone Khufu, che probabilmente commissionò la Grande Piramide di Giza. Suo marito era Khafre o Menkaure e, insieme a lui, aveva costruito le altre piramidi di Giza.

Questa tomba mostra scene scolpite e dipinte della regina Meresankh III, della sua famiglia reale, dei servi, degli artigiani e dei sacerdoti funerari.

Gli altri due tour virtuali in 3D illustrano il Monastero Rosso, un monastero copto ortodosso chiamato così per i suoi muri di mattoni rossi, e la Moschea Madrassa medievale del Sultano Barquq, costruita durante la fine del XIV secolo.

Grazie a questi tour online è possibile godersi, da tutto il mondo, le meraviglie dell’antico Egitto senza prendere l’aereo, come parte delle misure per combattere il nuovo Coronavirus (Covid-19), in attesa di tornare a poterle ammirare dal vivo.

Di Francesca Orelli

ARCHEOLOGIA: Leggi anche:

Roma: scoperta un’antica città sottoterra

Lincoln: ricostruito il viso di un sacerdote vissuto 900 anni fa

Manufatti ossei rivelano la raffinatezza tecnologica dei Neanderthal

Egitto: scoperta una nuova mummia in una necropoli di 3600 anni fa

Rispondi