Al Palazzo Reale di Milano le opere di Claude Monet

Il Palazzo Reale di Milano si prepara ad accogliere le meravigliose opere di uno dei più grandi esponenti dell’Impressionismo, Claude Monet. Si tratta di 53 dipinti provenienti dal Musée Marmottan di Parigi, tra cui alcuni noti capolavori dell’artista, come ad esempio le Ninfee (1916-1919), Il Parlamento. Riflessi sul Tamigi (1905) e Le rose (1925-26), sua ultima e splendida opera.

La mostra dal titolo “Claude Monet. Opere dal Musée Marmottan Monet di Parigi” sarà visitabile presso le sale del Palazzo Reale di Milano dal 18 settembre 2021 al 22 gennaio 2022.

Il percorso espositivo

La mostra che vede protagonista Claude Monet, padre fondatore della corrente impressionista, è stata curata da Marianne Mathieu, storica dell’arte e direttrice scientifica del Musée Marmottan di Parigi. Il percorso espositivo è suddiviso in 7 sezioni che attraversano l’intera carriera artistica del grande Maestro francese, partendo dai suoi primi lavori in piccolo formato realizzati en plein air per arrivare ai grandi scenari naturali e alle vedute cittadine, che caratterizzano i suoi viaggi tra Londra, Parigi, Vetheuil e Pourville.

Tema centrale dell’esposizione è l’approfondimento attraverso i dipinti del grande Maestro impressionista sulla riflessione della luce e sui suoi mutamenti, che Monet sperimentò nelle sue opere durante tutta la sua carriera artistica.

La mostra su Claude Monet è stata promossa dal Comune di Milano Cultura e realizzata da Palazzo Reale e Arthemisia in collaborazione con il Musée Marmottan di Parigi e l’Académie Des Beaux-Arts – Institut de France. L’idea fa parte di un progetto più ampio dal titolo “Musei del Mondo a Palazzo Reale”, nato con l’intento di far conoscere al pubblico italiano la storia e le opere di alcuni dei più importanti musei internazionali.

Le opere di Monet dal Musée Marmottan

La mostra, visitabile a Palazzo Reale di Milano dal 18 settembre 2021, mostrerà al pubblico una selezione di opere di Monet provenienti dal Musée Marmottan di Parigi, il quale contiene la più corposa raccolta di dipinti dell’artista francese esistente al mondo.

All’interno di questa collezione sono presenti anche le opere che lo stesso Monet riteneva come qualcosa di personale e che si rifiutò di vendere fino alla sua morte nella casa di Giverny, dove furono ritrovate. Alcune di queste opere saranno esposte alla mostra milanese.

L’esposizione a Palazzo Reale sarà un’occasione non solo per conoscere i capolavori del Maestro impressionista, ma anche per approfondire la storia sul Musée Marmottan di Parigi, che di recente ha cambiato il proprio nome in Musée Marmottan Monet in onore della corposa donazione di opere conferita al museo da Michel Monet, figlio dell’artista, nel 1966.

Leggi anche:

Condividi

Rispondi