La ragazza dei tulipani: passione e tradimenti nella Amsterdam del XVII secolo

Se avete amato La ragazza con l’orecchino di perla, o L’altra donna del re, La ragazza dei tulipani potrebbe fare proprio al caso vostro. Scritto da Tom Stoppard e diretto da Justin Chadwick, il film racconta la storia di una giovane orfana comprata da un ricco mercante di tulipani come seconda moglie. Che finisce per innamorarsi del pittore assunto dal marito per far loro il ritratto.

Nel cast, una sempre magnetica Alicia Vikander nel ruolo della ragazza dei tulipani e uno stranamente placido Christoph Waltz in quelli del marito e mercante Sandvoort.

Il ritratto della ragazza dei tulipani

Impossibile non notare la somiglianza tra La ragazza dei tulipani di Chadwick e La ragazza con l’orecchino di perla di Webber. Fin dalle prime inquadrature, infatti, si percepisce un’atmosfera simile, la stessa attenzione al dettaglio e al colore che avrebbe un pittore intento a dipingere un ritratto. E di pittori anche in questo caso si parla, anche se qui è la giovane Sofia, ovvero La ragazza dei tulipani, ad essere sposata e non il pittore che si innamora di lei.

La storia d’amore tra lei e il giovane e talentuoso Jan Van Loos (Dane DeHaan) è però molto meno platonica di quella tra Vermeer e Griet. E qui, inoltre, si parla di personaggi del tutto di finzione, sui quali è possibile ricamare senza temere di offendere nessuno. Così, il film ci trascina in una trama fatta di tradimenti e passioni folli, il tutto contornato dallo scenario di un’Amsterdam in piena febbre da tulipani (da qui, il titolo originale del film, Tulip Fever).

Passione e tradimenti (o presunti tali) sono anche il tema dell’altra storia romantica del film, destinata però a un corso molto diverso. Quella tra Maria, la cameriera dei Sandvoort (interpretata da Holliday Grainger) e un pescivendolo con il sogno di diventare ricco.

Il film è godibile, complice l’ottima interpretazione del cast (nel quale compaiono anche Zach GalifianakisJudi Dench e Cara Delavigne) eppure non memorabile. Il finale decisamente moralista rovina in parte l’atmosfera, e si sente la mancanza di un vero e proprio conflitto che renda intensa la trama.

La ragazza dei tulipani

Il libro

La ragazza dei tulipani è tratto dal romanzo omonimo di Deborah Moggach, che ha anche contribuito alla stesura della sceneggiatura del film. In Italia, il libro è uscito sotto il titolo Tulip fever. La tentazione dei tulipani, ed è stato prfanaubblicato da Sperling & Kupfer.

LEGGI ANCHE

Operazione U.N.C.L.E: l’alchimia tra spie perfetta

Le serie in costume che non potete perdere

Bridgerton: la serie più romantica dell’anno

Ragazza con l’orecchino di perla di Vermeer. Chi era veramente?

Condividi

Rispondi