Onward: un viaggio oltre la magia

Onward è il nuovo film di animazione dei Pixar Animation Studio. Diretto da Dan Scanlon, ci invita in una terra abitata da giovani elfi, pixie e spietate (ma forse non troppo) manticore; magia, avventura e sentimento sono le parole chiave di questa nuova produzione. Che non potrà che affascinarvi fin dalle prime scene.

La storia di Onward

Ian e Barley sono fratelli, elfi adolescenti che vivono in un mondo in cui la magia è stata dimenticata, sostituita dalla tecnologia e della scienza. Dimenticata da tutti, ma non da Barley stesso, che crede fermamente che ci sia ancora una scintilla di magia, e che serva solo crederci per risvegliarla.

A dargli ragione, il giorno del sedicesimo compleanno di Ian, è proprio il padre ragazzi, morto prematuramente; per l’occasione, l’elfo ha infatti preparato un regalo speciale: un bastone magico che permetterà ai due di richiamarlo tra loro per un giorno intero. Peccato che qualcosa, nella magia del bastone, vada storta e i due elfi sono costretti a imbarcarsi in una folle avventura contro il tempo per riuscire a godere di qualche ora in sua compagnia.

Onward: magia, avventura e bellezza

Il fascino che circonda Onward si percepisce fin dalle prime scene. Colori vividi e animazione 3D morbida e accattivante sono solo l’amo per trascinare gli spettatori in questo mondo ammantato di magia. E una volta all’interno della storia, si viene catturati dalla bellezza di una trama avvincente che scorre senza mai incepparsi in scene o dialoghi superflui.

Sceneggiatura e doppiaggio sono impeccabili, complici un Tom Holland e un Chris Pratt che non si limitano a dar voce ai personaggi, ma infondono loro anima e respiro. Conquista anche la colonna sonora, un incontro vincente tra folk music ed epic/power metal.

Onward Oltre la magia

Un’avventura per amanti delle avventure

Se siete amanti dei giochi di ruolo, se trascorrete i week-end a far rollare dadi sul tavolo e a farvi trasportare lontano dalla vostra immaginazione, allora Onward è decisamente il film per voi. Costruito come una vera e propria quest di un gdr, il film racconta un’avventura nella quale magia, ingegno e coraggio sono gli elementi vincenti.

Impossibile inoltre non notare le continue citazioni a Dungeons and Dragons e al filone ludico, a partire proprio dal gioco che fa da cuore della storia: Quests of Yore, la passione di Barley, è un omaggio al gdr più celebre, dal quale prende ispirazione. Non stupisce che la Disney ne abbia creato una versione cartacea realmente giocabile, già disponibile negli store fisici e online.

LEGGI ANCHE

Cinque space-opera imperdibili

Tenet: il misterioso fascino dell’entropia invertita

Away: Marte non è mai stato così umano

Radioactive: il genio ribelle di Marie Curie

Rispondi