Gruppo di elefanti

Anche gli elefanti fra di loro si chiamano per nome?

Noi esseri umani abbiamo l’abitudine di dare nomi agli animali, domestici o meno, e recenti ricerche suggeriscono la possibilità alcuni di essi comprendano non solo il proprio nome ma anche quello degli umani o degli altri animali parte della stessa colonia o abitazione, come nel caso di questa ricerca giapponese sui gatti.

I risultati di un nuovo studio sono ancora più sorprendenti: è possibile che gli elefanti, animali peraltro dotati di una notevole intelligenza, chiamino sé stessi facendo uso in un certo qual modo di nomi specifici attribuiti a ciascun membro del gruppo. O quantomeno qualcosa di assimilabile a tale concetto.

Le vocalizzazioni non sono articolate come nel linguaggio umano, ma comunque identificabili come veri e propri nomi

Un team guidato dal dottor Michael Pardo della Colorado State University ha svolto una ricerca nella Riserva Naturale di Samburu e nel Parco Nazionale Amboseli, entrambi in Kenya, registrando più di 600 richiami di elefanti: oltre ai caratteristici e potenti barriti, essi emettono anche rumori a bassa frequenza compresi tra 1 e 20 Hertz (infrasuoni), quindi troppo bassi per essere percepiti dall’orecchio umano ma in grado di viaggiare su grandi distanze, fino a 10 chilometri.

Sottoponendo i campioni all’analisi di un algoritmo di apprendimento automatico, sono stati identificati rimbombi specifici relativi a 119 singoli elefanti, il 20% del totale degli individui: è stato poi osservato quali elefanti si separavano o si avvicinavano alla mandria in seguito a questa sorta di vocalizzazione, stabilendo cioè una relazione precisa fra una determinata sonorità e uno specifico elefante.

Riprodotti questi suoni a 17 elefanti, una volta sentito quello che era stato identificato come il loro nome essi erano più propensi a muoversi rapidamente verso la sorgente sonora e a vocalizzare in risposta emettendo sonorità straordinariamente coerenti.

Gli elefanti sono fra i pochissimi animali in grado di riconoscere sé stessi riflessi in uno specchio

Gli elefanti sono animali sociali ed emettono diversi tipi di suoni quando si salutano, avvistano un predatore o vogliono giocare; i suoni riferiti al “nome” sono però univoci e ben distinti e non si tratta nemmeno di suoni generici come quelli che per esempio una madre potrebbe usare per sollecitare l’attenzione dei propri figli.

Un altro aspetto rilevato dai ricercatori consiste nella similarità fra le chiamate effettuate verso lo stesso elefante da diversi chiamanti, il che suggerisce un sistema di comunicazione a più livelli: i destinatari della chiamata possono essere correttamente identificati dalla struttura della chiamata in modo statisticamente significativo rispetto al puro caso.

Pardo in una conferenza afferma che le sue scoperte rendono più labile il confine tra «ciò che pensiamo sia unico nel linguaggio umano e ciò che si trova in altri sistemi di comunicazione animale». La ricerca African elephants address one another with individually specific calls è stata pubblicata in prestampa su bioRxiv ed è in attesa di essere sottoposta a peer-review.

Guarda anche:

Condividi

Rispondi