Baccalà all’insalata, ricetta semplice e leggera

Una ricetta tipica del Veneto ma riproposta in diverse parti d’Italia. Il baccalà all’insalata è un piatto semplice da preparare, leggero perché non appesantisce la digestione ma di gusto. Può essere servito in diverse varianti, tra la versione semplice ed in bianco e quella più ricca che prevede l’aggiunta di altri ingredienti.

Sulle tavole venete il baccalà non manca mai, in diversissime preparazioni, è il re della tavola per tradizione gastronomica di lunga data. Tra questi proprio il baccalà all’insalata è considerato un’eccellenza tra le portate tipiche regionali.

Baccalà all’insalata, ricetta semplice e leggera

Il baccalà è un pesce semplice ma molto saporito. Non è nient’altro che il merluzzo bianco conservato sotto sale. Essenziale è dunque, per qualsiasi preparazione, mettere il baccalà in ammollo per qualche giorno cambiando spesso l’acqua. Solo così perderà il sale che è in superfice e riacquisterà il suo sapore naturale, delicato ma appetitoso.  

Per preparare il baccalà all’insalata dunque è necessario che il pesce sia già ammollato. È bene per questo organizzarsi qualche giorno prima per poi servirlo in tavola.

Baccalà all’insalata, gli ingredienti

  • Baccalà
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe
  • Prezzemolo

Baccalà all’insalata, la preparazione

  1. Per preparare il baccalà all’insalata si inizia trattando il pesce. Lo si taglia a pezzettoni quando è già ammollato e lo si cuoce in acqua bollente per pochi minuti, giusto il tempo di ammorbidirsi;
  2. Quando i pezzettoni di baccalà sono ancora caldi si elimina la pelle e si sfogliano. So sistemano in una ciotola o in un piatto da portata e si lasciano raffreddare;
  3. Si passa poi al condimento con olio extravergine d’oliva, sale, pepe e una spolverata di prezzemolo tritato.

Baccalà all’insalata, consigli e varianti

Questa che abbiamo proposto è la versione classica del baccalà all’insalata che si può arricchire con altri ingredienti. Tra questi le olive nere, i capperi, i peperoni e le acciughe sott’olio. Tutti insieme o scegliendo i gusti che più si preferiscono. Per un sapore ancora più intenso si può unire all’olio d’oliva anche una spruzzata di succo di limone.

È consigliato mangiare l’insalata fresca e appena condita perché morbida e appetitosa. Rimanendo a riposare in frigo tende a diventare un po’ appiccicosa.

Francesca Bloise

Secondi piatti, leggi anche:

Rispondi