Il peperoncino calabrese, una vera “punizione divina”

Spread the love

Il valore della cucina calabrese ha da qualche anno varcato i confini nazionali per essere apprezzato in tutto il mondo.

Dal riconoscimento del New York Times alla certificazione Welcome Chinese, passando per l’attività promulgativa di Lidia Bastianich, l’amore per i prodotti tipici della Calabria è ormai cosa nota e affermata in tutto il mondo.

Tra gli alimenti caratteristici della regione di punta un posto d’onore lo occupa il peperoncino calabrese.

Diavolicchio, spagnolicchio, “u’pipi”… tanti i nomi per indicare un solo alimento in grado di incarnare la vera anima di questa terra: il peperoncino.

Considerato sacro e di grande pregio, il peperoncino calabrese ha una storia molto antica e custodisce incredibili proprietà benefiche e curative per l’organismo.

“A mezzanotte seppi che avevo trovato un tesoro”. Così disse il medico ungherese Albert Szent Giörgyi dopo aver scoperto che il peperoncino è una fonte abbondante di Vitamina C, intuizione che gli valse il Premio Nobel.

Peperoncino sott’olio, una “punizione divina”

Uno dei modi più durevoli e gustosi di utilizzare il peperoncino calabrese è quello di conservarlo nell’olio.

Il sapore aromatizzato, il profumo intenso e la piacevole croccantezza rendono il peperoncino sott’olio ideale per insaporire i primi piatti, per marinare il pesce e la carne alla griglia oppure da offrire come sfizioso aperitivo.

Una volta gustati tutti i peperoncini sott’olio poi si può utilizzare l’eccellente olio santo per rendere le proprie pietanze ancora più piccanti e briose.

di Virna Cipriani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: