MABOS, il museo nel Parco della Sila

Il MABOS è il museo all’aperto nel Parco della Sila

Nel Parco della Sila, in provincia di Catanzaro, è stato realizzato il MABOS, Museo d’Arte del Bosco della Sila, un progetto nato nel 2017 per opera del fondatore Mario Talarico, che ancora oggi ospita e unisce artisti italiani e internazionali, critici e teorici d’arte, curatori e appassionati.

Su trentamila metri quadri di verde, attraverso le vaste distese naturali, sono predisposte numerose opere e installazioni che richiamano la tradizione espositiva francese, da visitare gratuitamente “in qualsiasi momento del giorno e della notte”, come recita la descrizione ufficiale sulla homepage del sito del museo.

Si tratta di un progetto che non solo mette insieme bellezze naturali e progetti artistici, ma che dà anche l’occasione di partecipare a eventi imperdibili come talk culturali e laboratori pensati per ogni fascia d’età. Inoltre, se si è davvero fortunati, capita talvolta anche di imbattersi nella realizzazione di un’opera dal vivo!

Andiamo con ordine e scopriamo nel dettaglio tutto quello che il MABOS può offrirci.

Il parco espositivo, in continuo aggiornamento ed evoluzione, conta ad oggi di trentotto opere realizzate dal 2017 al 2023. Distribuite per tutto il territorio e prodotte in maniera specifica per determinate sezioni del territorio, sono facili da trovare e da raggiungere anche grazie alla mappa esplicativa presente sul sito del Museo, che ne segna tutte le posizioni.

Il MABOS contiene anche una piccola biblioteca chiamata Libri Liberi, in cui è possibile non solo rilassarsi tra le pagine di una bella lettura, ma anche attuare un piccolo scambio: si può prendere un libro dalla bacheca e lasciarne un altro, in maniera tale da generare un momento di condivisione tra accaniti lettori.

Infine c’è il cosiddetto borgo degli artisti, una struttura interamente costruita in legno nel pieno rispetto della natura che offre la possibilità ai visitatori di rilassarsi e godere della pace dei boschi.

Non resta che raggiungere il Parco della Sila e scoprire coi propri occhi le bellezze che il MABOS ha da offrire!

Guarda anche:

  • Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino 2023
  • Le pipe di Vincenzo Grenci a Brognaturo
  • La lavorazione artigianale della ginestra a Bivongi
  • Condividi

    Rispondi