Le 10 scienziate che hanno cambiato il mondo

La scienza spesso viene considerata un campo maschile e dove dominano, in tutti i sensi, gli uomini. Niente di più sbagliato, perché queste 10 scienziate non solo hanno spezzato le catene da cui eravamo oppressi, ma hanno cambiato il mondo e fatto scoperte importanti.

Chi sono i più grandi scienziati di tutti i tempi? È probabile che, a molti di noi, verranno in mente Albert Einstein, Isaac Newton o altri grandi nomi, e per una buona ragione.

Questi scienziati hanno fatto scoperte straordinarie, come quella della gravità terrestre, che hanno cambiato il modo con cui comprendiamo il mondo.

Ma, troppo spesso, le donne vengono lasciate fuori dalla rosa, anche se ci hanno fatto fare passi lunghi e significativi nella scienza, anche in epoche in cui erano escluse dall’istruzione formale e dalla possibilità di far carriera nel campo.

Solo in tempi recenti le scienziate sono uscite dalle ombre della storia. E, in occasione dell’Ada Lovelace Day (13 ottobre 2020), noi del Giardino della Cultura non potevamo non dedicare i nostri pensieri a queste donne straordinarie.

Ecco quindi le 10 scienziate che, con le loro scoperte, hanno cambiato il mondo e ci hanno permesso di fare notevoli passi in avanti, di migliorare la nostra qualità di vita e anche di farci comprendere, senza Aristotele, come funziona davvero la scienza e il mondo.

1.Ada Lovelace (matematica, 10 dicembre 1815-27 novembre 1852)

Ada Lovelace è considerata la prima programmatrice di computer, prima ancora che i PC moderni fossero inventati.

I suoi appunti sul motore analitico, proposto da Charles Babbage (un computer per uso generico programmabile), sono considerati il primo algoritmo di un computer.

2.Marie Curie (fisica e chimica, 7 novembre 1867-4 luglio 1934)

Il principale, tra i molti risultati di Marie Curie, include la scoperta della radioattività e l’invenzione di un’unità mobile a raggi X che è stata impiegata durante la Prima Guerra Mondiale.

Insieme a suo marito, Pierre Curie, ha anche scoperto due elementi radioattivi, il polonio e il radio, e ha sviluppato tecniche per isolare gli isotopi radioattivi.

Nel 1903 Curie diventò anche la prima donna a vincere il premio Nobel.

Dopo la sua prima vittoria in fisica, in seguito ha vinto anche il premio Nobel per la chimica, divenendo di fatto anche la prima persona ad essere premiata per due volte con il prestigioso riconoscimento.

3.Janaki Ammal (botanica, 4 novembre 1897-7 febbraio 1984)

In qualità di prima scienziata dell’India, Janaki Ammal ha sviluppato diverse specie ibride, che vengono ancora coltivate oggi.

È stata anche la prima a sostenere la protezione della biodiversità in India.

4.Chien-Shiung Wu (fisica, 31 maggio 1912-16 febbraio 1997)

Chien-Shiung Wu è stata la prima scienziata a confermare – e successivamente a perfezionare – la teoria del decadimento beta radioattivo di Enrico Fermi.

È anche nota per il suo “esperimento Wu”, che ha ribaltato la teoria della parità in fisica.

Questa svolta ha portato ad un premio Nobel, che però è stato assegnato ai suoi colleghi uomini, trascurando il ruolo fondamentale che Wu ha avuto in tutto il lavoro.

5.Katherine Johnson (matematica, 26 agosto 1918-24 gennaio 2020)

I calcoli di Katherine Johnson sulla meccanica orbitale, questo quando era dipendente della NASA, furono fondamentali per inviare i primi americani nello spazio.

Rimasta nell’oscurità per diversi decenni, è tornata alla ribalta quando la sua storia è stata raccontata nel film Il diritto di contare.

6.Rosalind Franklin (chimica, 25 luglio 1920-16 aprile 1958)

Rosalind Franklin è nota per il suo lavoro rivoluzionario nella scoperta della struttura a doppia elica del DNA.

Morì quattro anni prima che i suoi colleghi maschi ricevessero il Premio Nobel nel 1962.

Alcuni credono però, se anche Franklin fosse vissuta più a lungo, probabilmente sarebbe stata comunque snobbata dal Comitato, come già avvenuto (purtroppo) con Wu.

7.Vera Rubin (astronoma, 23 luglio 1928-25 dicembre 2016)

Vera Rubin ha scoperto l’esistenza della materia oscura, la strana colla che tiene insieme il nostro universo.

Il suo contributo è considerato una delle scoperte più significative del XX secolo: un’opera che, molti, ritengono avrebbe dovuto ricevere il premio Nobel.

8.Gladys West (matematica, 1930-vivente)

Il lavoro di Gladys West nello sviluppo di modelli matematici della forma della Terra è servito come base per la tecnologia GPS.

Nel 2018 è stata inserita nella US Airforce ad Missile Pioneers Hall of Fame, uno dei massimi riconoscimenti del comando spaziale dell’Air Force.

9.Flossie Wong-Staal (virologa e biologa molecolare, 27 agosto 1947-vivente)

Flossie Wong-Staal è stata la prima scienziata a clonare l’HIV e a creare una mappa dei suoi geni.

Una scoperta che ha portato alla creazione di un test per rilevare il virus.

10.Jennifer Doudna (biochimica, 19 febbraio 1964-vivente)

Jennifer Doudna è stata una delle principali sviluppatrici di CRISPR, una tecnologia rivoluzionaria per la modifica dei genomi.

L’approccio offre la promessa di porre fine alle malattie.

Di Francesca Orelli

STORIA: Leggi anche

Le carote possono aiutare a vedere al buio?

Calendario gregoriano: ecco perché abbiamo gli anni bisestili e il Pesce d’Aprile

Mummificazione: l’arte perduta di imbalsamare i morti

Tempio di Artemide – Le 7 meraviglie antiche

Rispondi