Esprimi un desiderio

Spread the love

Esprimere un desiderio è come scoccare una freccia.

Tendi l’arco, fai vibrare sotto le tue dita la freccia e…via… essa vola lontano senza conoscere la destinazione, perché è vero che va verso la meta indicata ma non si sa se centrerà il centro voluto.

Allo stesso modo un desiderio vola lontano lontano senza destinazione. Si esprime, si desidera, si fantastica sul risultato ma non si sa se quel desiderio tanto bramato potrà verificarsi, realizzarsi, esser toccato con mano!

Improvvisamente ti viene chiesto di fare una scelta, quella di poter raggiungere una fantasia, la si immagina così vicina. Si spera che quell’immagine non svanisca, ha fatto tanto sognare nel momento in cui ci è stato chiesto il nostro desiderio e così si continua a bramare una cosa che è volata in aria come quella freccia.

Fluttua nell’aria, girovaga tra le nuvole, svolazza come un largo vestito, si alza in cielo come dei capelli che sono accarezzati dal vento..

Ma la realtà delle cose è che dopo espresso un desiderio non si sa mai se esso raggiungerà la meta agognata, proprio come il dardo scoccato e così si attende. Si attende in vano per alcuni, mentre altri riceveranno nell’immediato il sogno sperato. Certi nella vita lo riceveranno senza che esso andrà molto lontano, altri attenderanno un tempo grosso semmai lo vedranno realizzato.

Un giorno mi fu chiesto se io ne avessi uno.

Uno? Pensai!

Non ne avevo uno nella mia testa, ne giravan tanti. Eppure uno lo espressi, proprio come fanno i bambini dinanzi alla torta di compleanno mentre spengono le candeline.

Chissà se quel desiderio sta volando o si è già interrotto conficcandosi, assieme alla freccia, in un albero di quercia.

So solo che in questo momento non smetto di sperare che un giorno quel desiderio si possa realizzare.

Così mi fermo a guardare il cielo, affinchè riesca a scorgere laggiù lontano un  piccolo gabbiano che sul suo dorso porta con sé il mia anelata fantasia…

Ora vi ho incuriositi, vero?

Volete sapere il mio desiderio

Voi mi direste il vostro?

Se vi avvicinate ve lo sussurro piano piano…vi dico che è come un indovinello!

“È piccolino, ma grande come un camino…

Arde il fuoco all’interno, ma non  ha bisogno di legna…

È acceso da una scintilla…

Fa sognare grandi e piccini…

Quasi tutti sperano che prima o poi possa arrivare..”

Capito cos’è?

Bravi, i miei complimenti

Non svelerò in modo schietto questo desiderio espresso…però una cosa vi dico, ancora non è giunto perché poco fa è passato il gabbiano e sta ancora volando lontano lontano!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: