Zucca: 6 curiosità che (forse) non sapevi sul simbolo di Halloween

Amata, celebrata e usata in cucina durante i mesi autunnali, la zucca, come i gatti neri, è il simbolo per eccellenza di Halloween, la festività che precede il ben più “serioso” Triduo dei Morti. Ecco 6 curiosità che (forse) non conoscevi sulla “cucurbitacea” più famosa, e apprezzata, sia dai cuochi stellati sia dai semplici golosi.

In Italia, così come negli Stati Uniti e in tutti i Paesi europei e occidentali, la zucca va a braccetto con le vacanze autunnali, con Halloween e con la miriade di preparazioni, dolci e salate, che caratterizzano la cucina dei mesi più freddi.

Raccolto in ottobre, questo frutto arancione, nutriente e versatile, racchiude fiori, semi e polpa commestibili e ricchi di vitamine.

La zucca viene usata per preparare zuppe, dolci, pane e, molti chef italiani, la includono anche nelle loro torte oppure nei loro dessert al cucchiaio.

Jack O’ Lantern: le origini della zucca intagliata di Halloween

Le Jack O’Lantern sono le famose zucche intagliate di Halloween, di cui avevamo già parlato in questo articolo, le cui origini risalgono a centinaia di anni fa.

A quei tempi, tuttavia, le Jack O’Lantern erano fatte di patate o di rape. Fu solo quando gli immigrati irlandesi arrivarono in America, e scoprirono per la prima volta la zucca, che la celebre cucurbitacea arancione venne scelta come nuovo simbolo per celebrare Halloween.

Ora le zucche, negli Stati Uniti come in Italia e in Europa, vengono comunemente posizionate sulle scalinate e sui davanzali durante i mesi autunnali e vengono intagliate prima della notte di Halloween.

E tu, sei proprio sicuro di sapere tutto, ma proprio tutto, sulla zucca? Se la risposta è sì, allora mettiti alla prova con queste 6 curiosità sulla zucca che, forse, non conoscevi.

1.La zucca e i suoi parenti: scopriamoli tutti

La zucca è un membro della famiglia delle cucurbitacee, che include anche cetrioli, meloni, angurie e zucchine.

Queste piante, come la zucca, sono originarie dell’America Centrale e del Messico, ma ora crescono in tutti i continenti, fatta eccezione per l’Antartide (troppo freddo anche per la nostra amica arancione).

2.La zucca? Più vecchia del mais!

Gli indigeni nordamericani, prima ancora dell’arrivo dei primi coloni europei, coltivavano già le zucche da migliaia di anni.

E la coltivazione della zucca, a sorpresa, è persino più antica anche di quella del mais, “l’oro americano” per eccellenza, e dei fagioli.

3.Perché in inglese la zucca è chiamata “pumpkin”?

Nel 1584, dopo che l’esploratore francese Jacques Cartier tornò dalla regione di San Lorenzo, in Nord America, parlando delle zucche (che allora erano ancora sconosciute agli europei) riferì di aver trovato dei gros melons (grossi meloni).

Il nome venne poi tradotto in inglese come “pompions”, che in seguito si trasformò nella parola moderna “pumpkin” (zucca in inglese).

4.Chi è il più grande produttore di zucche del mondo?

Secondo un censimento dell’agricoltura, effettuato nel 2017, lo stato dell’Illinois è il più grande produttore di zucche, non solo degli Stati Uniti, ma anche di tutto il mondo.

Qui le zucche, oltre ad essere considerate una vera delizia, vengono coltivate molto di più (mediamente il doppio, se non addirittura il triplo) rispetto a qualsiasi altro stato americano e mondiale!

5.Qual è la zucca più pesante del mondo?

Sempre restando in tema di record mondiali, la zucca più pesante del mondo è stata raccolta (a fatica) nel 2016 in Belgio: pesava ben 1190,23 chili!

La zucca più pesante degli Stati Uniti, per contro, è stata raccolta nel New Hampshire nel 2018 e pesava “appena” 1146,68 chili.

6.Qual è il periodo migliore per coltivare la zucca?

I semi di zucca dovrebbero essere piantati tra l’ultima settimana di maggio e la prima metà di giugno.

Ci vogliono infatti dai 90 ai 120 giorni perché la zucca possa crescere e, di solito, viene raccolta in ottobre, quando prende un colore arancione brillante.

I suoi semi possono essere “salvati” per far crescere nuove zucche l’anno prossimo.

Di Francesca Orelli

CUCINA: Leggi anche:

Anna Moroni: la vittoria contro i pregiudizi di genere in cucina

Farfalle al salmone, la ricetta al naturale

Come sostituire le uova nei dolci

Eugénie Brazier: la prima donna chef della storia

Condividi

2 pensieri riguardo “Zucca: 6 curiosità che (forse) non sapevi sul simbolo di Halloween

  • 23 Ottobre 2020 in 16:50
    Permalink

    Interessanti curiosità, alcune non le conoscevo affatto.
    🙂 Un saluto

    Rispondi
    • 4 Novembre 2020 in 10:55
      Permalink

      Ci continui a seguire e saranno tante le curiosità che le faremo conoscere??

      Rispondi

Rispondi