La pirografia e l’arte di disegnare grazie al sole

Le strade che dalla mente dell’artista portano alla percezione di chi guarda o ascolta un’opera sono pressoché infinite. Uno dei metodi meno conosciuti e più particolari può essere considerato quello della pirografia.

Questa speciale tecnica sfrutta una fonte di calore per produrre immagini su una superficie solitamente composta di sughero, cuoio oppure legno.

Solitamente, i pirografi utilizzano strumenti di platino arroventati che grazie a dei trasformatori elettrici che permettono di utilizzare energia a bassa tensione per l’incisione.

Jordan Mang-Osan: l’artista che sfrutta il sole per le sue opere

Qualcuno, però, ha deciso di rendere questa procedura ancor più naturale ed interessante. Jordan Mang Osam, artista filippino proveniente dalla Cordillera, dall’età di 19 anni sfrutta i raggi solari per creare magnifiche opere su legno.

Il risultato, frutto di un lavoro che necessita di diversi mesi per essere portato a compimento, permette di ammirare capolavori assoluti e caratterizzati da uno stile unico.

Il procedimento, a dirsi molto semplice, prevede uno schizzo del disegno finale messo a punto con un carboncino. In seguito, il progetto viene realizzato attraverso una lente di ingrandimento utilizzata, di fatto, come se fosse una matita.

Il fatto di poter sfruttare solo le ore diurne, l’impossibilità di lavorare durante giornate non assolate e la capacità di inclinare perfettamente la lente per ottenere gli effetti desiderati sul legno, in ogni caso, possono rendere l’idea dell’abnegazione necessaria per portare a termine il lavoro.

Michael Papadakis: uno specchio e una tavola di legno

Oltre ad Osan, un altro artista divenuto famoso per le sue opere ottenute grazie alla pirografia è Michael Papadakis. Mentre percorreva la via della seta nel 2012, l’artista del Colorado si convinse che non fosse necessario trasportare uno zaino pesante pieno di matite e pennelli.

Piuttosto, avrebbe potuto contare su un semplice specchio e sulla luce solare. Attraverso questa tecnica, ma anche grazie all’utilizzo di diverse lenti di ingrandimento, Papadakis è diventato un esperto nell’incisione non solo di ritratti e paesaggi, ma anche di loghi aziendali.

L’arte a emissioni zero

Attraverso un semplice pezzo di legno ed una superficie in grado di riflettere, questi artisti hanno trovato il modo di sorprendere il loro pubblico e dimostrare come il connubio tra creatività e semplicità possa far scaturire opere originali e complesse.

La pirografia, soprattutto se messa in pratica attraverso i raggi del sole, può essere considerata una forma d’arte non solo estremamente peculiare, ma anche a costo zero e in piena sintonia con la natura.

di Daniele Sasso

LEGGI ANCHE:

La casa di Dresda che quando piove produce musica

Il Bacio di Gustav Klimt: la raffigurazione del sentimento libera dalle esigenze del mercato

Casa Batlló: il capolavoro urbanistico di Gaudí ispirato alla natura

Mondi e oggetti impossibili: il paradosso della percezione di Escher (Parte I)

Rispondi