Pasta fredda, un evergreen intramontabile

Dici pasta fredda e pensi al caldo torrido dell’estate, alla poca voglia di stare vicino ai fornelli ma nello stesso tempo di mangiare qualcosa di sfizioso, buono e sostanzioso che non sia la solita insalatona o un gelato al volo anche a pranzo.

La pasta fredda è quello che ci vuole, la pietanza ideale da portare in tavola ma anche in spiaggia e in ufficio per chi lavora anche nei periodi più caldi. La pasta fredda è quello che io definisco un evergreen intramontabile, un piatto che piace a tutti, buono, gustoso, che dà sostanza ma senza appesantire. E poi è bello anche da vedere con le sue diverse sfumature di colore e quell’odore invitante che stuzzica l’appetito. Veloce e facilissima da preparare mette tutti d’accordo.

La pasta fredda può essere condita come meglio si preferisce seguendo i gusti di ognuno con verdure, pesce, sottaceti e anche carne se si gradisce portando in tavola formati differenti dalle più classiche penne ai fusilli, passando per le farfalle fino agli spaghetti. L’importante è ottenere la giusta consistenza senza che la pasta sia né troppo molle e né troppo asciutta. Come fare? Ve lo spiego subito!

Tre sono le dritte da non dimenticare mai per un’ottima pasta fredda: pasta sempre al dente, ben condita ma non asciutta e soprattutto attenzione a non farla attaccare. Il primo segreto dunque è scolare la pasta al dente con l’accortezza di tenere da parte un po’ di acqua di cottura. Una volta nella ciotola irroriamo con dell’olio in modo deciso ma senza abbondare e mescoliamo. In questo modo la pasta, anche se ancora calda, non si attaccherà. E iniziamo poi con il condimento. Su questo fronte abbiamo decisamente l’imbarazzo della scelta. Gli abbinamenti da provare sono così tanti e multiforme che al sol pensiero sale l’acquolina in bocca.

Prima dell’elenco delle possibili varianti vi ricordo che nel momento in cui vi accorgete che il condimento è troppo denso tanto da rendere la pasta troppo secca aggiungete l’acqua di cottura, a filo e mescolate. Una volta pronta fate raffreddare per bene e coprite la ciotola con della pellicola.

Le mie proposte per la pasta fredda:

  • Tonno, pomodorini, olive nere e mais (la variante nella foto);
  • Mozzarella, pomodorini, olive e basilico;  
  • Salmone e rucola;
  • Avocado e salmone;
  • Pesto di zucchine e salmone;
  • Verdure grigliate e tonno;
  • Bresaola, rucola e parmigiano;
  • Pesto di olive e acciughe

E così potremmo continuare all’infinito con una miriade di abbinamenti inserendo magari anche piselli, carne in scatola o ancora gamberetti. Ognuno può condire la pasta fredda come meglio desidera. E poi si sa, più sono gli ingredienti e sicuramente più invitante sarà la riuscita.

Consiglio la pasta fredda anche come alternativa per il pranzo fuori casa in inverno. Per chi fa la pausa pranzo in ufficio e non riesce a trovare delle alternative alle solite “schiscette” la pasta fredda è un ottimo salva pranzo dell’ultimo minuto da preparare la sera. Basta toglierla dal frigo un po’ di tempo prima del pranzo così che sarà a temperatura ambiente e vi assicuro che è gustosa anche in inverno.

di Francesca Bloise

Rispondi